Tagli ai treni dei pendolari: chi è virtuoso e chi no

Il Coordinamento dei comitati pendolari regione Lombardia nel comunicato che segue denuncia l’ennesimo attacco del governo ai diritti dei viaggiatori. «L’annuncio dei pesantissimi tagli proposti dal Governo ai contributi statali per il trasporto pubblico è il tipico frutto di miopia ragionieristica che provocherà danni e costi sociali ben superiori ai dati economici della manovra stessa. Dimezzando i contributi per il trasporto ferroviario regionale, che interessa 2.700.000 pendolari, per garantire i medesimi livelli di (dis) servizio attuali, le tariffe dovrebbero venire raddoppiate, oppure, per stare nei costi, si dovranno dimezzare i servizi. Che sia a causa degli aumenti delle tariffe, o per l’assenza di servizi di trasporto pubblico, centinaia di migliaia di auto finiranno col riversarsi sulle già congestionate strade delle aree urbane, con le conseguenze facilmente immaginabili, anche per la salute dei cittadini.

Il taglio dei servizi, tuttavia, in termini reali non costituisce un risparmio, se non marginale, perché Trenitalia si troverebbe ad avere dall’oggi al domani decine di migliaia di esuberi che non può certo licenziare. Per non parlare di centinaia di società di trasporto pubblico locale, che verrebbero portate al fallimento per via dei tagli ai finanziamenti al trasporto pubblico locale. Mentre il ministro Tremonti dichiara che verrà incontro alle Regioni virtuose, viene da domandarsi dove stia il virtuosismo del Governo cui appartiene, che nega riforme strutturali, come la liberalizzazione del mercato, avendo imposto alle regioni di stipulare contratti di servizio capestro col monopolista Trenitalia. Come tutti gli economisti sanno, monopolio significa infatti maggiori costi e minore qualità dei servizi. Un’altra riforma strutturale potrebbe venire dalla revisione dei regolamenti e norme vecchi di decenni che, non tenendo conto dei miglioramenti tecnologici, appesantiscono i costi di gestione e la circolazione ferroviaria.

Anche il rinnovo del materiale rotabile per l’acquisto dei famosi 1000 treni per i pendolari, che poteva costituire un investimento volto anche a migliorare, con materiale rotabile più efficiente, anche la gestione economica e a velocizzare i servizi, è stato bloccato. Ci piacerebbe sapere se Tremonti ha pensato di bloccare anche la commessa da 1,5 miliardi per i treni AV, finanziati con soldi pubblici. Ma ci domandiamo anche quanto sia “virtuoso” il comportamento della Regione Lombardia, che presenta una “lista della spesa” per l’EXPO 2015, tra opere “essenziali, necessarie e connesse”, per un totale di 25 miliardi di euro, più di millecento euro a visitatore, equivalente alla manovra stessa e da far impallidire i tagli al trasporto pubblico. Se vi sono settori in cui occorre tagliare, il Ministro è dunque invitato a guardare alle spese folli per l’Expo e per l’AV.

I pendolari sono cittadini responsabili e non chiedono servizi inutili, ma quanto loro necessario per produrre il reddito di che vivere, cosa che di questi tempi non è facile, e riforme strutturali che portino a migliorare l’efficienza del trasporto pubblico. Chiediamo la riapertura immediata del Tavolo sul TPL per essere informati su quali siano le intenzioni della Giunta regionale lombarda in merito a questi temi, nonché come intenda giustificare la manovra tariffaria che si sta apprestando a fare, quando tra pochi mesi potremmo vederci tagliati servizi di trasporto pubblico essenziali». .Per info: http://www.facebook.com/group.php?gid=331704523108

 

Annunci

No comments yet»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: