Consiglio provinciale del 9 febbraio 2010: crocifissi

 

Interpellanza del gruppo consiliare lega nord riguardante la rimozione del crocifisso dalle aule in alcuni istituti scolastici.

 

Interviene   il consigliere leghista Ivano Bianchi per leggere  la mozione riguardante la presenza obbligatoria del crocifisso nelle aule scolastiche ai sensi dei Regi Decreti del 1924 e 1928 a cui fa seguito un intervento del capogruppo leghista Giordano Minotti.       Replica Renato Tettamanti : “ ho provato tanto fastidio ascoltando i due interventi che mi hanno preceduto di primo acchito verrebbe a chiunque di controbattere con toni altrettanto provocatori, ma faccio un sforzo per mantenere i toni bassi e pacati su questi temi;       nella vostra mozione alludete al crocifisso come simbolo che, nei secoli, ha sempre rappresentato valori di pace, fratellanza, tolleranza, vi dimenticate che non è sempre stato così, vi dimenticate, per esempio, di Giordano Bruno. I vostri toni così fortemente identitari ed impositivi sono in aperto contrasto anche       con eminenti teologi cattolici che tendono a valorizzare il messaggio includente del cristianesimo; non parliamo poi del paragrafo della vostra mozione che,  nella  pratica,       calpesta i più basilari principi della nostra carta costituzionale” .     “ In quel paragrafo alludete ad un sistema di governo  in cui chi ha la      maggioranza ha tutti i diritti e i poteri di imporre principi e valori anche alle minoranze, senza alcuna tutela di contrappeso, né parlamentare né di altra istituzione. State tentando di stravolgere i più elementari principi della democrazia e della nostra Costituzione.!”    Prosegue Tettamanti: “alludete alle origini giudaico cristiane dell’Europa che, per fortuna, non sono state introdotte nel trattato di Lisbona; chi ha siglato quel  trattato è ben consapevole, al contrario di voi,  della complessità culturale e religiosa di tutto il continente, a cui presto potrà essere associata una grande nazione come la Turchia; del resto, fin dal 1984 la Corte Costituzionale Tedesca ha respinto istanze simili alle vostre e sto alludendo ad un grande paese e una grande democrazia che ha forti connotati  culturali cristiani, tanto da avere al governo del paese un partito democratico cristiano “       Tocca quindi al consigliere pdl Ivano Bernasconi che, ringraziando gli amici della lega per aver presentato la mozione  si sofferma sui valori dell’accoglienza del cristianesimo e prende posizione favorevole per l’ingresso della Turchia in Europa.       La consigliera del pd Maria Rita  Livio  si sofferma quindi su temi in parte già affrontati da Tettamanti: “ se dietro al crocifisso non c’è niente, stiamo  parlando  di  forme che rasentano l’ idolatria, secondo il cardinal Tettamanzi il crocifisso dovrebbe essere posto prima nei cuori che appeso ai muri; quanto al senso di “humanitas” dobbiamo inoltre riconoscere che valori solidaristici universali erano già proclamati ancor prima del cristianesimo, per esempio da Terenzio, del III secolo a.c. ; quanto al fatto che, senza il crocifisso appeso alle pareti si andrà  incontro ad una deriva morale generalizzata ci sarebbe molto da discutere,  bastasse appendere ai muri i crocifissi per dare direttrici morali!…”.         Riprende la parola Tettamanti per  soli “due minuti  per sottolineare l’assoluta condivisione dell’intervento della consigliera Livio e per far notare la strumentalità nel sottoporre questa mozione in questo consiglio provinciale, quasi che noi consiglieri  avessimo  delle competenze per poter fare cosa ? “Si riallaccia quindi a citazioni teologiche di un precedente intervento del consigliere Giancarlo Galli del pdl per dire: “ho dato anch’io due esami in storia della Chiesa e so bene cosa fece il controriformista  cardinal Caraffa,       fondatore della Santa Inquisizione  e che dopo eletto papa col nome Paolo IV istituì i ghetti per Ebrei in molte città d’Italia!”       “Quanto all’andare all’oratorio, ci sono andato anch’io come quasi tutti a suo tempo, ma che c’entra questo col tema di oggi?” Vi informo che in Europa l’unico paese che ha adottato legislazioni simili a quelle che vorreste imporre qui è l’Austria che, mi sia concesso, è un paese piccolo, di non grande peso politico a livello continentale. In Europa  invece i paesi che contano: Francia,  Germania, la cattolicissima  Spagna e persino la vicina Svizzera stanno lì a contraddire le vostre tesi.” Prosegue Tettamanti “torno a sottolineare che non è compito della provincia andare scuola per scuola a controllare cosa c’è affisso alle pareti , anche volendo non ne avremmo  gli strumenti. “       Particolarmente significativi anche gli interventi del consigliere leghista Ivano Bianchi : ”in Spagna durante la guerra civile i comunisti hanno crocifisso molti preti” e ancora più provocante il capogruppo della lega Giordano Minotti: “anch’io quando entro nel mio comune vedo appesa al muro la foto di un tizio che non amo , ma la tollero” (alludendo al presidente della Repubblica).       Giancarlo Galli del pdl a questo punto chiede di espungere dal testo della mozione leghista  quel paragrafo già fortemente contestato da Tettamanti per palese incostituzionalità  che allude al fatto che in Italia chi detiene la maggioranza avrebbe il diritto e il potere di “non subire la dittature delle minoranze”.      Il testo così emendato viene messo ai voti: su 24 presenti 18 della maggioranza votano a favore della mozione, Tettamanti vota contro 6,  gli astenuti,  tra cui la consigliera pdl Paola Sala.     [Enzo Arighi, ufficio stampa di Renato Tettamanti]

 

Annunci

No comments yet»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: