Il Consiglio provinciale di Como del 14 e 16 dicembre 2009

Arrivano in ritardo o non arrivano e i pochi che arrivano sempre a caro prezzo : i provvedimenti della maggioranza a favore dei cittadini in provincia sono come i treni dei pendolari:  passano invece rapidi e comodi come dei treni Tav i provvedimenti che servono  ai soliti noti e ai centri di potere “amici”. Questo almeno appare dalla strana calendarizzazione dei provvedimenti.

 Lunedì 14 dicembre la seduta si apre con uno spostamento della prevista relazione del presidente della Provincia in quanto arriverà in ritardo , si passa pertanto ai punti successivi dell’ordine del giorno cioè la relazione dell’assessore Tambini. Inizia così il Consiglio che sarà tutto un susseguirsi  di cambi di programmi : si anticipano gli ordini del giorno che la maggioranza vuol far passare celermente e si mettono in coda, magari  per mesi,  quelli che lorsignori ritengono di poco conto e comunque si devono rispettare le assenze o presenze degli assessori competenti affaccendati sempre in  qualcos’altro. Tambini  tenta di giustificare  il riconoscimento dei debiti fuori bilancio derivanti dall’annosa pratica legale con l’azienda appaltatrice di alcuni lavori al liceo scientifico Giovio di Como  come da recente lodo arbitrale in cui la provincia è risultata soccombente. Segue un balletto di dati di aggiornamento sulla conduzione quanto meno infelice della pratica, tenuta in gran parte all’oscuro durante tutti questi anni dal dibattito trasparente in consiglio provinciale e nella competente commissione;  risulta impossibile per Tettamanti che interviene sulla materia non evidenziare le imperizie degli assessori coinvolti ” dal 1994 una pratica amministrativa-legale che termina con una condanna per l’amministrazione  al pagamento di quasi 1 milione e mezzo di euro e della cui conduzione siamo stati praticamente tenuti all’oscuro”. Prosegue Tettamanti enumerando i tagli che la Giunta si appresta ad  operare anche a causa di questa inattesa perdita di bilancio: mancati finanziamenti per gli arredi scolastici, messa in dubbio del rifinanziamento promesso al Centro Formazione Professionale di Monte Olimpino, “qualora non arriveranno i 100 mila euro promessi la Direzione del suddetto Cfp pare minacci di portare in giudizio l’amministrazione provinciale per provocato danno, per non parlare di Via Brogeda, ai confini col comune di Maslianico, lasciata praticamente tale e quale nonostante le proteste per i recenti morti in incidenti stradali  e perchè non parlare della mala gestione del contratto SWAP ? o del fatto che la provincia si accolli debiti di competenza del comune di S. Fermo, passati per miglioramenti alla viabilità del nuovo S.Anna o del ripianamento dei debiti provocati per la penosa vicenda del muro e delle paratie della giunta Bruni?”e qui nasce un battibecco con l’assessore Tambini incentrato sull’affermazione di Tettamanti “Lei, caro Tambini,  e Bruni siete uguali, si vede che siete della stessa famiglia!”Contesato da Tettamanti anche l’andamento dell’appalto calore della provincia “siamo in questa sala quasi gelida mentre altri uffici aprono le finestre per il troppo caldo …..ed altre inefficienze e costi malgestiti …. , a quando il cambiamento dell’appalto ?”La Consigliera Arrighi del PD evidenzia come  la gestione del cantiere del nuovo S. Anna non abbia avuto i cospicui finanziamenti pubblici regionali e statali che altre Province (Varese e Lecco) si sono viste arrivare. A seguito di contestazioni dei leghisti commenta  Tettamanti “Noi arriviamo quando la distribuzione dei pani e dei pesci è già terminata!”. A questo punto Il capogruppo della Lega Minotti interviene per chiedere “se noi approviamo di risanare i debiti del comune di Como e quelli non pagheranno, noi come consiglieri provinciali che conseguenze avremo?” suscitando un contro-intervento di Tettamanti  “a Minotti va dato atto di preoccuparsi delle sue azioni “Inizia quindi la nomina a scrutinio segreto del Collegio dei revisori dei Conti ; verranno nominati Celestino Villa, in quota minoranze, Michele Dell’agli  per il pdl e  Roberta Gatti (presidente del collegio) per la lega. Passa quindi all’unanimità la richiesta del consigliere pd Dario Di Lorenzo  di essere sostituito (per altri impegni sopraggiunti) in ” Commissione Servizi Sociali e pari opportunità,cultura , politica per la tutela e la valorizzazione dei beni architettonici ed artistici” dalla consigliera del pd  M. Rita Livio . L’interpellanza delle minoranze  sull’orario dei treni della tratta Mi-CO viene illustrata da Tettamanti che, dapprima denuncia il fatto che, per i numerosi rinvii e sedute consiliari andate a vuoto per colpe della maggioranza, l’interrogazione viene presentata a frittata già fatta, cioè ai nuovi orari Trenitalia penalizzanti già entrati in vigore.Poi legge la lettera del Consiglio di stato elvetico al presidente della regione Lombardia circa la soppressione dei “Cisalpino” (presente su questo  blog  sin dal 18 novembre) quindi cita un’assemblea dei comitati dei pendolari del norditalia tenutasi recentemente a Torino che si era conclusa evidenziando come  i danni per i tagli dei treni dei pendolari, anche di quelli comaschi ,derivino principalmente  dal fatto che ormai Trenitalia investe tutto sulle linee Tav e taglia tutti i fondi per le linee di lavoratori e studenti a breve percorrenza. Inoltre faccio notare come anche la Svizzera evidenzia che Como sia tagliata fuori dai grandi percorsi europei, altro che porta d’Europa!”  Nella sua risposta l’assessore Tambini evidenzia che anche lui ha preso contatti con i comitati dei pendolari e con la direzione regionale di Trenitalia, tentando anche di giustificare il fatto che qualche treno in piu’ sia stato aggiunto, soprattuto a favore dei pendolari delle stazioni intermedie (secondo lui i più svantaggiati cioè quelli di Cantù Cermenate, Lentate ecc.) a scapito dei pendolari cittadini del capoluogo che erano un po’ privilegiati. Tambini assolve in parte Trenitalia regionale dicendo che le linee internazionali siano in realtà di competenza della direzione nazionale dell’azienda; ammette però il disagio dell’arrivo a Porta Garibaldi  dei pochi treni di pendolari dovuto al fatto che in quelle fasce orarie in centrale non ci siano binari sufficienti, dedicati appunto ai treni superveloci.Tettamanti ringrazia  l’assessore per l’interessamento, sia pur tardivo e sicuramente insufficiente, dato che gran parte dei problemi restano, soprattutto per i pendolari”ricchi”del centro Como che avranno il danno e la beffa di qualche treno in meno, di orari di percorrenza più lunghi e, semmai, qualche treno ad altissimo costo a disposizione “per chi potrà permeterselo”. La seduta del 14 dicembre termina col tentativo di anticipare, nei  pochi minuti finali il dibattito e la votazione su temi assai complessi come le partecipazioni in Villa Erba  spa ed Spt, proposta provocatoria che viene accolta dalle minoranze con una specie di boato. Eccoci dunque alla seconda sessione del consiglio del 16 dicembre  : viene ancora spostato all’anno prossimo, con una votazione specifica a favore della maggioranza  il dibattito ritenuto ostico su Villa Erba spa facendo arrabbiare non poco Tettamanti che subito interviene protestando vibratamente :  “questa ennesima inversione degli ordini del giorno serve solo a non darci una trasparente informativa su accordi già in fase avanzata che  il presidente Carioni sta prendendo con il Comune di Cernobbio , il comune di Como e la camera di Commercio per la realizzazione del porto turistico di Villa Erba !”. Interviene il consigliere Galli del pdl, presidente della Commissione   ambiente per sostenere, contro il parere del presidente del consiglio che la commissione da lui presieduta ha terminato i  propri lavori “occorre che il consiglio deliberi di  bloccare le autorizzazioni per  ulteriori derivazioni idriche per gravi motivi di guasti al paesaggio !” Viene sostenuto in queste affermazioni da Tettamanti che protesta ancora per il dibattito su Villa Erba  ed Spt ”  sono temi all’ordine del giorno sin da settembre, il  presidente Carioni deve essere presente  quanto prima a relazionarci ! non si tratta di decidere se la provincia debba o meno partecipare in tali società, ma che il consiglio deliberi le linee guida di indirizzo da tenere in tali società partecipate   “Si passa quindi alla relazione dell’assessore al lavoro e formazione Fermi sull’agenzia di formazione professionale di Monte Olimpino a cui segue un intervento del leghista Bianchi che elogia di gran lunga l’operato della Direzione del Cfp e l’efficienza di questo centro “pubblico” di formazione  suscitando battutine tra le minoranze “dovrebbe segnalarlo al Ministro Brunetta che il suo partito sostiene a Roma che nel pubblico ci sono grandi professionalità e non fannulloni !”Tettamanti precisa che “pare ancora in forse, cioè  solo auspicato lo stanziamento di 100.000 euro a favore del CFP nella relazione di Tambini, in realtà nel bilancio votato ancora non c’è ! Nonostante gli elogi in questo consiglio di Fermi e Bianchi sulla direzione e su tutto il  personale del Cfp la provincia segue a ruota le direttive regionali che ben altri stanziamenti certi elargiscono a istituzioni private “! Viene quindi installato il personal Computer di Tettamanti con la rete wifi dell’Amministrazione provinciale, per ora l’unico di tutto il consiglio , dopo tanti  mesi di solleciti , in ritardo anch’esso come i treni dei pendolari verrebbe da dire !  Tettamanti ha così modo di usare subito il pc per redigere insieme agli altri consiglieri di minoranza   l’interpellanza unitaria urgente linkata su questo stesso blog  avente per oggetto la richiesta di chiarimenti sul fantomatico” progetto Marina” di Villa Erba. L’ultima richiesta di Tettamanti su chiarimenti di dati aggiornati sull’occupazione, disoccupazione e cassa integrazione  in provincia all’assessore Fermi  viene stoppata dai banchi della maggioranza “Non è all’ordine del giorno !”. Arriverà in ritardo o forse non arriverà neanche quest’ultimo treno di pendolari .

[Enzo Arighi, ufficio stampa di Renato Tettamanti]

Annunci

No comments yet»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: